Insegnanti Next School

Maria Concetta Romano

“I bambini costruiscono la propria intelligenza, gli adulti devono fornire loro le attività, il contesto e soprattutto devono essere in grado di ascoltare”

Maria, condivide pienamente il pensiero di Loris Malaguzzi, ideatore del Reggio Emilia Approach.

Ha scelto di diventare insegnante, perché ogni giorno è sempre diverso e divertente. Pensa che i bambini hanno tanto da dare agli adulti e riescono sempre a stupire con le loro idee e pensieri.

È laureata in Lettere Moderne ed ha conseguito un master in Didattica dell’Italiano a Stranieri. Dopo, ha iniziato il percorso professionale come insegnante di scuola primaria.
Ha avuto il privilegio d’insegnare l’italiano all’estero, alla scuola italiana di Casablanca, in Marocco, per circa 7 anni. Lì ha messo in pratica, ampliato e migliorato le competenze didattiche in un contesto scolastico trilingue (francese-arabo-italiano), abbracciando appieno l’idea che l’apprendimento delle lingue straniere deve avvenire fin dall’infanzia.

Maria ha insegnato alla Dante Alighieri di Casablanca a studenti adulti e ha collaborato, per i corsi di lingua, con alcune aziende italiane presenti nel territorio marocchino, come Enel Green Power.

Le piace tanto viaggiare, scoprire modi di vivere diversi dal proprio e confrontarsi con altre persone.

Federica Pipitone

“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”

Questa frase racchiude per Federica il significato della sua vita professionale.
Federica Pipitone, ha 26 anni ed è laureata in Scienze della Formazione Primaria.
L’ambito delle scienze umanistiche l’affascina sin dai tempi del liceo.

Grazie ai suoi insegnanti ha capito, infatti, quanto l’integrità e l’equilibrio di una persona, in sfera bio-psico-pedagogica, fossero importanti per strutturare una società di valore.
Tale prospettiva è stata il leitmotif della sua vita professionale e personale, che le ha successivamente dato la spinta per inserirsi nel mondo dell’insegnamento.

È una persona curiosa e dinamica, ama lo sport e viaggiare.
È appassionata della lingua inglese e della cultura americana, per questo qualche anno fa ha deciso di trasferirsi negli Stati Uniti, vivendo per più di un anno “il sogno americano”.

Miriana Caruso

``Ci provi, ci credi, ci riesci``

Miriana Caruso ha 25 anni, è una delle nostre insegnanti laureata in Scienze della Formazione Primaria.
Fin da piccola ha sempre giocato a interpretare il ruolo dell’insegnante e oggi, il “sogno è diventato realtà”.

Adora immergersi nella natura per fare lunghe passeggiate e si commuove molto facilmente anche davanti a un semplice tramonto. Si ritiene una “lettrice seriale”, perché ama perdersi fra le pagine di un buon libro, a tal punto da leggerne anche due a settimana.

È una persona socievole, empatica e flessibile. Queste caratteristiche le hanno permesso, negli anni, di avvicinarsi consapevolmente al mondo dei bambini e di capire e comprendere l’importanza della loro speciale unicità.

Crede infatti nella “diversità”, non come limite, ma come valore aggiuntivo; ogni singolo alunno ha un proprio modo di sentire, di apprendere, di rispondere e sono i docenti a dover trovare la chiave giusta per poter entrare, a piccoli passi, nel loro mondo.

Negli anni si è interessata alle nuove metodologie proposte dagli studi pedagogici più recenti, in particolare quelli di stampo cooperativo; ha molta fiducia, infatti, nel lavoro collaborativo e nell’apprendimento esperienziale, che rispettano l’unicità del bambino, accompagnandolo consapevolmente nel percorso di acquisizione di nuove conoscenze.

Un altro tratto distintivo della sua personalità, infine, è sicuramente la creatività. Una caratteristica, questa, che spera di far sviluppare anche ai suoi allievi.

Nulla è mai impossibile, lo diventa solo se pensiamo che lo sia e lo sviluppo creativo assume importanza proprio perché consente di superare qualsiasi limite condizionante. La creatività è per lei un viaggio, che allarga la conoscenza e il sapere di tutti: ogni cosa può essere guardata da varie angolazioni, tutto sta nell’imparare a guardare.

La sua mission, dunque, è quella di accompagnare i bambini nel loro percorso di apprendimento, prestando attenzione ai loro bisogni, alle loro difficoltà, ma anche ai loro sogni e alle loro aspettative.

Spera di contribuire a renderli persone migliori, “buoni cittadini del domani”, consapevoli di sé stessi e rispettosi del mondo che li circonda.

Michela Cottone

“Il bambino non è un vaso da riempire ma un fuoco da accendere”

Michela ha ben chiara qual è la missione di un insegnante e questa frase rappresenta il suo pensiero.

Michela Cottone è una delle nostre insegnanti, ha 25 anni ed è Laureata in Scienze della Formazione Primaria.

Pensa che l’apprendimento debba essere percepito come un desiderio, non come un’imposizione, per questo motivo l’insegnante deve considerare il bambino come elemento centrale della sua missione, sfruttando al meglio l’empatia per poter instaurare un rapporto di fiducia reciproca.

Le piace viaggiare e scoprire nuove culture, anche attraverso le pagine dei libri.
Adora lo sport in ogni sua forma. Ha praticato ginnastica ritmica per 12 anni, adesso si diletta anche nell’insegnamento di essa, perché crede sia fondamentale lo sviluppo fisico sin dalla tenera età.

Miriana La Terra

``Educare non è riempire un secchio, ma accendere un fuoco!``

Miriana è una delle 14 docenti NEXT che ogni giorno contribuiscono a renderci una scuola di nuova generazione.

Miriana è laureata in Scienze della Formazione Primaria, adora i bimbi e ama prendersene cura per aiutarli a ``diventare grandi``.

Grazie alla sua spiccata empatia, e ad una buona dose di pazienza, Miriana è particolarmente brava nell'aiutare i bimbi a superare le difficoltà giornaliere legate all'apprendimento.

Doti importantissime per un docente di scuola primaria.

Elena Manno Brinch

Elena è una delle nostre insegnanti di lingua inglese, ha origini americane ed è nata a Saint Louis nel Missouri.

È mamma di due bambine meravigliose.

La loro gioia e curiosità la spingono a vedere ogni giorno il mondo senza pregiudizi e credere nelle cose buone e sane.

Adora la semplicità e la praticità.
Ritrova la sua serenità quando si perde nella lettura di un bel romanzo, durante una lunga camminata veloce o nella pratica della meditazione.

Cerca di avere sempre il cuore ampio, grato e pieno di speranza.

La vita la vede come un viaggio ed è sempre pronta a partire.

Anna Bosco

“L’esperienza è il tipo d’insegnante più difficile. Prima ti fa l’esame, poi ti spiega la lezione”

Anna è da più di 20 anni che insegna inglese ed è una delle nostre insegnanti madrelingua. È di Manchester, ma vive a Ragusa.

Per lei insegnare è una vera e propria missione!

Le piace motivare e coinvolgere i suoi piccoli alunni. Ama il loro entusiasmo di crescere.

Il tempo libero, ama trascorrerlo con la sua famiglia.

Simona Garofalo

“Insegnare è un dono che permette di dare, ricevere e imparare sempre”
Per Simona questo significa insegnare!

Simona Garofalo è una delle nostre insegnanti d’inglese. Ha vissuto per molti anni negli Stati Uniti e ha avuto la fortuna di entrare in contatto con diverse culture. Lì, ha potuto constatare l’importanza della formazione di un bagaglio multiculturale che permetta di comunicare con mondi diversificati e variegati, perché la conoscenza parte dalla comunicazione.

Crede fermamente nel valore dell’insegnamento; ogni studente, infatti, è un universo unico e speciale a cui bisogna avvicinarsi in punta di piedi. Per l’insegnante è una responsabilità e un onore poter aiutare e sviluppare questo universo in un individuo con la sua personalità e i suoi valori, in modo che possa affrontare la vita e il mondo con successo.

Jessica Di Carlo

“A good education is a foundation for a better future”

Nata e cresciuta a Londra, si è laureata nel 2018 e da quel momento ha insegnato in tutto il mondo: dalla Cina fino all'Italia, passando per la Spagna.

Crede fortemente che l'insegnamento sia una pratica da svolgere in maniera ``positiva``, affinché i bambini siano felici di venire a scuola e di apprendere cose sempre nuove.

Jessica si impegna inoltre nel creare innovative lezioni che integrino aspetti pratici (learning-by-doing) e teorici, oltre ad incoraggiare i bimbi a praticare l'inglese il più possibile. La sua più grande soddisfazione è vedere i bimbi migliorare e crescere grazie all'educazione.

Nel tempo libero ama viaggiare: per conoscere nuove culture e trasmettere ai bimbi il rispetto per le differenze e per l'unicità di ciascun individuo.

Francesca Brugaletta

I nostri alunni imparano l’arte, e la mettono in pratica ogni giorno grazie a Francesca

Francesca è la nostra insegnante di Arte e Immagine e ama l’arte in ogni sua forma.

Confessa che i bambini le permettono di vedere, attraverso i loro occhi, un mondo sempre a colori, ed è questo che più le piace del suo lavoro!

Ama anche fare nuove conoscenze, perché ciò le regala tangibili emozioni, in un’era sempre più “virtuale”.

Lina Pluchino

“Everyone has a beautiful voice” sosteneva Joe Estill

E Lina, la nostra insegnate di musica ne è fortemente convinta.

Lina ha 40 anni e ha fatto della sua passione la sua professione: è un insegnante di canto e di educazione musicale.

Considera la musica la “colonna sonora” della vita e il modo migliore per esprimere i propri sentimenti.

È pronta, ogni giorno a trasformare le voci dei suoi piccoli alunni, in melodiose scelte di vita.

Claudio Scarso

Una delle attività più complete che si possano far svolgere a un bambino è senza dubbio la psicomotricità

Una pratica in grado di armonizzare le diverse aree di sviluppo.

Claudio è il nostro insegnante di Psicomotricità.

Ha 36 anni e si occupa di psicomotricità, attività motoria e di tutto ciò che riguarda le discipline sportive.

Ha scelto questa professione, perché è il giusto connubio tra la sua passione, lo sport e l'insegnamento, settore che gli ha dato tanto in termini lavorativi.

Ama gli animali e la natura a cui, insieme allo sport, dedica gran parte del suo tempo libero.

Amelia Palma

“La mia più grande passione è fare l’insegnante perché attraverso il volto dei bambini riesco a vedere, come dice Papa Francesco, i nostri artigiani del futuro”

Quando Amelia parla di cosa significa per lei essere insegnante, le si illuminano gli occhi.
Amelia Palma è la nostra insegnante di religione e ha 45 anni.

Si definisce una persona leale e ama rispettare l’altro. Per lei, ogni persona diventa un tesoro prezioso per nutrire e far crescere la sua persona.

Le piace leggere romanzi dell’800, libri di epica classica, fumetti e, dulcis in fundo, le bellissime encicliche dei nostri straordinari pontefici.

Il suo grande amore è il mare, quando può le piace vivere in barca a stretto contatto con questo meraviglioso dono di Dio.
Insegnare religione, una delle materie più “complicate” in un mondo costantemente in evoluzione, ed è per lei ogni giorno una grande sfida. Prende molto seriamente l'educazione all'ascolto, al dialogo e alla tolleranza.
Il suo motto lo ha estrapolato da “Sentinella del mattino”, come ci ha definito San Giovanni Paolo II in occasione della GMG del 2000.
Consapevole della particolare missione che la vita le ha affidato, ha fatto sue le parole di Papa Benedetto XVI:
“Andate controcorrente…Non abbiate paura di apparire diversi e di venir criticati per ciò che può sembrare perdente o fuori moda!”

Nicol Spadola

“Un bambino è insieme una speranza e una promessa per l’umanità”

A Nicol piace questa citazione di Maria Montessori, crede che tutti i bambini meritano di essere se stessi.

Nicol Spadola è la nostra insegnante di (inserire materia) ha 32 anni ed è laureata in (inserire laurea).

Nicol è una psicologa dello sviluppo e dell’educazione e anche mediatrice.
È fermamente convinta che la sua missione d’insegnante sia di gettare verso i suoi alunni un raggio di luce, per potergli dare la possibilità di “venir fuori” e di proseguire il loro cammino!
I suoi strumenti sono il sorriso, il contatto visivo, l’ascolto attivo. Con empatia cerca di guardare il mondo dal loro punto di vista senza mai giudicare, senza mai tralasciare il sistema in cui vivono, la loro storia, i meccanismi comunicativi e relazionali che hanno ereditato.
Umiltà e lealtà sono i suoi valori.
Dedizione e curiosità sono le sue compagne di vita

Ama studiare, leggere, fare sport e lunghe passeggiate per connettere anima e corpo.

Dott.ssa Laura Cavallo

Laura è la consulente psicologica di Next School per i bimbi, gli insegnanti e i genitori.

Laureata in Psicologia Clinica con una specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale, ha partecipato a molteplici progetti socio-educativi per la promozione del benessere mentale nelle scuola.

Il suo approccio è chiaro e lo esprime bene in questa frase: ``In una società basata sul successo e il profitto ad ogni costo, che misura la cultura in termini di nozionismo, puntare tutto sulla 'centralità della persona' può suonare quantomeno anacronistico, eppure risulta l’unica via possibile per incoraggiare ognuno di noi a diventare un essere umano unico``.

Lavora con noi

Entra a far parte del team di Next School

Staff Next School

Lorenza Schininà

Lorenza è la fondatrice di Next School, colei che per prima ha creduto nella possibilità di creare una scuola bilingue di nuova generazione che preparasse i bimbi al mondo del futuro.

L'idea di creare Next School nasce proprio dalla necessità di Lorenza e di suo marito Alessandro di trovare una scuola che mettesse al centro le unicità dei bimbi mettendoli nelle condizioni di trovare il proprio specifico modo di apprendere e di crescere.

``Quello che più ha a cuore un genitore, secondo il nostro punto di vista, è vedere la serenità e la felicità negli occhi dei propri figli; far si che ognuno di loro possa essere protagonista della propria vita, facendo emergere i loro talenti e le loro passioni.``
I grandi cambiamenti partono dal cuore!

Marcella Mongelli

Marcella è la nostra insostituibile Assistente alla Direzione.

È mamma di due bimbi che frequentano Next School ed ormai diventata il punto di riferimento per staff e genitori. Il suo lavoro quotidiano contribuisce non solo allo svolgimento delle molteplici routine quotidiane, ma anche alla realizzazione delle iniziative didattiche previste dai docenti e alla sostanziosa gestione burocratica della scuola.

``Ho scelto Next per permettere ai miei figli di avere un'istruzione moderna e che li prepari al mondo del futuro. Nel mio lavoro quotidiano, mi piace l'idea di poter contribuire affinché i nostri piccoli studenti riescano a scoprire i loro talenti e a coltivarli per trovare il loro posto nel mondo.``